Tailor-made hospitality: investimenti e innovazione. Report del webinar AREL

Si è tenuto lo scorso 26 novembre, in formato digitale, il convegno dal titolo “Tailor-made hospitality: investimenti e innovazione - Il mercato degli investimenti alberghieri alla luce delle recenti nuove sfide". L’evento, organizzato congiuntamente da AREL – Associazione Real Estate Ladies e NEWH – The Hospitality Industry Network.

L’evento, moderato da Magda Antonioli Corigliano, Professore di Macroeconomia ed Economia del Turismo dell'Università Bocconi e Direttore laure magistrale ACME (Economics and Management in Arts, Culture, Media and Entertainment), ha visto un panel di operatori leader in diversi campi dell’industria dell’hotellerie italiana ed internazionale discutere della situazione del mercato alla luce delle sfide congiunturali.
In Italia il settore del turismo occupa oltre il 13% del PIL, è quindi facile comprendere come la battuta d’arresto subita nel 2020 a causa della situazione sanitaria mondiale possa creare non poche preoccupazioni.

Nel 2020 il volume degli investimenti real estate nel settore alberghiero è sceso del 66% rispetto al 2019. Roberto Galano, Executive Vice President di JLL Hotels & Hospitality, fa un paragone della situazione attuale con la crisi del credit crunch del 2008 e ci ricorda che una crisi creditizia ha avuto strascichi per molto tempo, mentre quella di quest’anno è una crisi sanitaria, la cui risoluzione pare vicina grazie alle notizie dei vaccini che si susseguono in questi giorni. Roberto ha dichiarato inoltre che l’Italia mantiene un grande appeal tra gli investitori internazionali e, data la grande liquidità che aspetta di essere investita, ci sono buone speranze di una ripresa vicina.

Due rappresentanti di catene alberghiere, sia nazionale (Sofia Vedani, di Planetaria) e internazionale (Maria Pia Intini, di CitizenM) hanno sottolineato come l’innovazione e le tecnologie siano oggi fondamentali per attirare la domanda, senza dimenticare il valore immenso dell’accoglienza, personalizzata e volta alla valorizzazione dei bisogni del cliente. Quindi per innovazione si intende anche una nuova professionalità nella gestione degli asset alberghieri, così importante che CDP ha realizzato una scuola volta alla formazione della futura classe di dirigenti delle strutture alberghiere, come ci racconta Alessandro Belli, Head of Tourism Real Estate di CDP Investimenti Sgr. Ancora innovazione nella progettazione degli spazi, che oggi non sono più codificati fortemente. Gli hotel sono luoghi da vivere anche per chi non vi soggiorna, vi si può lavorare, ma anche rilassarsi con un drink o una buona cena. Daniela Baldo, Partner dello studio di architettura Marco Piva, ci mostra immagini di edifici osmotici, con servizi pensati per il territorio circostante, ambienti fluidi e vivibili in tutti i momenti della giornata.

Il settore alberghiero in Italia, quindi, nonostante il momento di difficoltà, ha enormi potenzialità da esprimere. Vale la pena realizzare modelli di business con una precisa identità legata al nostro paese, al nostro territorio, connotati di autenticità. L’Italia ha sempre un grande appeal internazionale, la voglia di turismo è forte, presto si tornerà a viaggiare e il nostro paese farà la parte del leone.

 


Contenuti riservati
Effettuare il login per visualizzare i contenuti

Sede e segreteria generale
Via Nerino, 5 – 20123 Milano
Presidenza
Corso Vittorio Emanuele II, 22 – 20122 Milano

Contatti
Phone: +39 02 7780 701
arel@arelitalia.com
presidente@arelitalia.com

Privacy Policy